Giornale del 07 Dicembre 2016 - sfoglia il giornale

È a sud l'Eden dell'aviazione

Speciale Africa

07-12-2016 NUMERO: 35

Invia
Allegati all'articolo:
L'Africa, senza ombra di dubbio, è il nuovo Eden dell'aviazione. La conferma arriva dall'ultimo forecast rilasciato da Iata che, oltre a prevedere 7,2 miliardi di passeggeri a livello globale entro il 2035, identifica proprio nel continente nero quello che registrerà i tassi di crescita più sostenuti. «L'Africa vedrà un aumento del 5,1%, con 192 milioni di passeggeri nuovi nei prossimi 20 anni», si legge nel report che sottolinea anche come i dieci mercati globali destinati a svilupparsi di più saranno proprio in Africa: Sierra Leone, Guinea, Repubblica Centroafricana, Benin, Mali, Ruanda, Togo, Uganda, Zambia e Madagascar.

E in Italia? Qualcosa si muove anche da noi, come certificano i dati del Rapporto Ibar, che analizza le vendite delle adv italiane nei primi nove mesi del 2016. Ebbene, dopo l’Asia (+6,5%), la perfomance migliore l'ha registrata proprio il continente africano con un +2,1% di traffico. Risultato: già da tempo i big dell'aviazione mondiale, e del Golfo in particolare, hanno affilato le armi per non farsi trovare impreparati a quello che, dopo l'Asia, promette di essere il nuovo bacino di viaggiatori.

 

Si comincia con Etihad, che continua a consolidare la propria presenza nel continente attraverso un accordo di codesharing con kulula, vettore low cost del Sudafrica. L'accordo offrirà la possibilità ai clienti Etihad di volare – via Johannesburg – verso destinazioni come Città del Capo, Durban, George e East London. Dal canto suo, dal 13 dicembre Turkish Airlines inizierà a operare i voli verso Zanzibar, con frequenza trisettimanale, mentre Emirates ha da poco annunciato un upgrade con Airbus A380 su uno dei suoi quattro voli giornalieri tra Dubai e Johannesburg; il tutto a partire dal 1° febbraio 2017.

Nell'elenco delle new entry sull'asse Golfo-Africa non poteva mancare Qatar Airways, che ha aperto la nuova rotta tra Doha e Windhoek, servita con quattro voli settimanali con il 787 Dreamliner. Punta sulla capitale della Namibia anche Ethiopian Airlines, che da ottobre vola da Addis Abeba a Windhoek, via Gaborone; dal 1° dicembre, poi, la compagnia africana ha aumentato i voli per Cape Town fino a 10 frequenze settimanali.

Sul fronte puramente leisure, anche questo inverno il Madagascar potrà essere raggiunto da Parigi e Marsiglia per Antananarivo con Air Madagascar (da giugno la compagnia è stata rimossa dalla lista di sicurezza europea e può ora volare verso tutti e 28 i Paesi dell’Ue); dal suo hub il vettore serve una ventina di destinazioni in tutto il Paese, tra cui Nosy Be, raggiunta anche dai collegamenti charter di Meridiana e Neos. La prima torna a Nosy Be con voli da Milano, Verona e Roma, a cui si aggiungono le altre rotte da Malpensa, Roma e Verona su Zanzibar, Mombasa, Dakar, Lagos e Accra. Obiettivo Madagascar anche per Neos che vola da Verona, Roma e Milano.

G.M.

Ultimi articoli in Speciale Africa


African Explorer 

03 Dicembre 2015

Condor 

03 Dicembre 2015

Eden Viaggi 

03 Dicembre 2015

Kanaga Adventure Tours 

03 Dicembre 2015

Gastaldi 1860 

03 Dicembre 2015

Il Diamante 

03 Dicembre 2015

I Viaggi di Maurizio Levi 

03 Dicembre 2015