Giornale del 16 Novembre 2016 - sfoglia il giornale

Ferrovie dello Stato si riprende Centostazioni

VETTORI

16-11-2016 NUMERO: 33

Invia
Centostazioni diventa intera proprietà del gruppo Ferrovie dello Stato. Un passo decisivo per realizzare un network di “Smart station”, stazioni di nuova generazione che possano diventare degli hub intermodali per la mobilità integrata che è il pilastro fondamentale del Piano industriale 2017-2026 della società ferroviaria.

 

«Questa mattina abbiamo firmato il contratto con Save per ricomprare il 40% di Centostazioni, che tornerà così a far parte al 100% di Fs», ha annunciato Renato Mazzoncini, amministratore delegato e direttore generale di Ferrovie dello Stato nel corso di una conferenza stampa in piazza della Croce Rossa di Roma, sede di FS.


Tutte le stazioni del network diventeranno degli hub intermodali dotate di parcheggi, terminal bus extraurbani, autonoleggio, car e bike sharing e punti ricarica per i veicoli elettrici. «Le stazioni devono diventare più attrattive. Vogliamo che i viaggiatori scendano dalle macchine e utillizzino di più il treno – ha spiegato ancora Mazzoncini – E per fare tutto questo dovranno avere più servizi che funzionano come, per esempio, pick up point per l’ecommerce o lavanderie. Il nostro obiettivo è fare business attraverso le stazioni e renderle, allo stesso tempo, anche più attrattive anche dal punto di vista architettonico».


Il pieno controllo di Centostazioni consentirà di realizzare una gestione unitaria del network principale del gruppo Fs composto da oltre 600 stazioni. Il prossimo passo prevede la cessione a privati, tramite gara, del ramo retail di quelle stazioni che, per numero di passeggeri in transito e per gli spazi a vocazione commerciale, possono diventare quindi delle smart station. Per ora, quelle già pronte sono Milano Porta Garibaldi, Roma Ostiense e Padova. Allo studio anche la stazione di Pisa. Al pacchetto potrebbero aggiungersi anche Torino Porta Susa e la Mediopadana di Reggio Emilia.

 

Per la Save, cedere la partecipazione in Centostazioni rientra nella strategia di sviluppare il polo aeroportuale del Nordest che comprende, oltre a Venezia e Treviso, gli scali di Verona e Brescia.

Silvana Chiodi

Ultimi articoli in VETTORI