Giornale del 30 Maggio 2016

Il futuro passa dalle startup: ReTourism ne sceglie tre

ATTUALITA'

30-05-2016 NUMERO: Giornale Online

Invia
Waynaut, Sharewood, Bookingbility: forse i loro nomi ora non vi dicono nulla, ma è probabile che presto sentiremo molto parlare di queste realtà. Si tratta infatti delle tre startup del turismo (su 15) premiate come migliori proposte al termine di ReTourism, l'evento promosso da Alpitour che si pone come incubatore di innovazione, opportunità e nuove idee per il settore.


Un format che ha coinvolto anche una quarantina di mentor e investor, ideato e curato dall'associazione no profit 3040ReGeneration al fine di favorire la connessione tra realtà emergenti e l'industria. Le tre startup selezionate avranno infatti accesso a un programma di accelerazione della durata di tre mesi creato su misura delle loro esigenze per supportarne lo sviluppo con contatti, competenze e conoscenze.


Ma chi sono, nel dettaglio, i vincitori?

Waynaut è una piattaforma B2B che aggrega ogni tipo di mezzo di trasporto, permettendo a qualunque sito/app di integrare combinazioni di viaggio multimodali. Si presta pertanto a integrazioni con agenzie di viaggio online, tour operator, metasearch e hotel booking.


Sharewood è una community di viaggiatori nata per condividere attrezzature sportive con persone che si trovano nelle vicinanze. In pratica, chi possiede per esempio bici, sci o tavole da surf, può noleggiarle ottenendo una fonte aggiuntiva di guadagno, mentre chi le noleggia risparmia, evitando di acquistare il prodotto nuovo. Insomma, una soluzione win-win, per dirla all'americana.


Opera invece nella sfera del turismo accessibile Bookingbility, piattaforma di prenotazione in tempo reale di strutture ricettive adatte ad accogliere persone disabili o con esigenze speciali, con un modello di business basato su commissioni a carico dei soli host.


Sostenendo ReTourism, Alpitour ha voluto confermare il proprio ruolo di player nella diffusione della cultura dell'innovazione, intrapreso già lo scorso dicembre con la partecipazione all'evento Shift-HackTravel. Per il gruppo piemontese si tratta di un ulteriore passo nel percorso di rinnovamento continuo verso una nuova concezione di turismo, sempre più orientata all'innovazione tecnologica.


ReTourism è il terzo pitch organizzato da 3040ReGeneration, sulla scia dei successi di ReFood (nel 2014 con il Pastificio Rana) e di ReFashion nel 2013 con Brunello Cucinelli.

 

«Siamo un think tank – precisa Sebastiano Peluso, founder di Smartourism e cofondatore di 3040ReGeneration – nato nel 2012 per iniziativa di un gruppo di imprenditori che vogliono mettere a disposizione le loro competenze e il loro tempo per contribuire allo sviluppo economico in un'ottica di give-back alla società. Siamo convinti che lo sviluppo passerà dalle startup, ma non vogliamo essere l'ennesimo acceleratore, bensì ci siamo posizionati come anello di congiunzione tra le startup e le aziende, con l'obiettivo di rinnovare i comparti d'eccellenza del Made in Italy e sviluppare sinergie industriali». 

Maria Grazia Casella

Ultimi articoli in ATTUALITA'