Giornale del 17 Marzo 2016 - Speciale BMT 2016 - sfoglia il giornale

Crociere, il mercato italiano non si arresta

Speciale BMT

17-03-2016 NUMERO: 7

Invia
Per vederla bisognerà aspettare fino al 2018, quando la perfetta riproduzione del Titanic, con i suoi 9 piani e 840 cabine, salperà sulla rotta Cina-Dubai. In attesa del lieto evento però, l’industria delle crociere non avrà di che lamentarsi, visto che anno dopo anno il comparto incassa record su record. Per quest’anno lo State of the Cruise Industry Outlook 2016 prevede che in tutto il mondo ben 24 milioni di passeggeri saliranno a bordo di una nave da crociera: una cifra, questa, quasi raddoppiata rispetto ai 15 milioni di crocieristi di una decina di anni fa, o addirittura dei 1,4 milioni del 1980.

Nei prossimi mesi, poi, verranno inaugurate 27 navi oceaniche, fluviali e specializzate, per un investimento di oltre 6,5 miliardi di dollari in nuove unità. Se a ciò si aggiunge che nuovi mercati come Asia e Australia sono in rapido sviluppo, e gli itinerari ormai vanno dagli Emirati Arabi a Cuba, passando per Oceano Indiano e Sri Lanka, appare chiaro come il futuro sia assicurato. Anche perché tra navi capaci di offrire esperienze e servizi a bordo mai visti prima e la diffusione di formule innovative come le minicrociere o il fly&cruise, ormai anche il target degli under 30 sta progressivamente entrando nella tribù dei crocieristi.

Buone notizie arrivano anche dal mercato italiano, stando ai numeri forniti da Risposte Turismo. Le previsioni più recenti, infatti, parlano per i prossimi dodici mesi di 11,4 milioni di passeggeri che saranno movimentati (+2,7% rispetto al consuntivo 2015) e di oltre 5mila toccate nave (+3,7%): sui primi tre gradini del podio dei porti più trafficati, ancora una volta, Civitavecchia, Venezia e Napoli grazie, rispettivamente, a circa 2,3 milioni (+1,4%), 1,55 milioni (-2,1%) e 1,28 milioni (+0,8%) di passeggeri e 846 (+6,5%), 529 (+1,5%) e 495 (+11,2%) di toccate nave. Appena sotto il podio Genova, che con un +30% sul 2015 dovrebbe raggiungere 1,1 milioni di passeggeri movimentati.
«Dopo essere quadruplicato tra il 2001 e il 2011, e aver attraversato una fase di alternanza di variazioni positive e negative tra anno e anno, il traffico crocieristico in Italia sembra aver ingranato nuovamente una buona marcia, tornando a far registrare tanto nel 2015 quanto nel 2016 una crescita sull’anno precedente», ha detto Francesco di Cesare, presidente di Risposte Turismo.

Sempre secondo Risposte Turismo, infatti, il 2015 si è chiuso con una crescita del 6,5% rispetto al 2014, per un totale di circa 11,1 milioni di passeggeri. La crescita ha riguardato anche il numero di toccate nave, passate dalle 4.780 del 2014, alle 4.880 del 2015 (+2,1%). Per quanto riguarda, invece, la classifica degli homeport, la prima posizione come homeport della penisola non poteva essere che di Venezia, dove tra imbarchi e sbarchi sono passati oltre 1,3 milioni di crocieristi, seguita da Civitavecchia e Savona, rispettivamente con circa 868 mila e circa 647 mila. Riguardo ai crocieristi in transito, è stata invece Civitavecchia a mantenere saldamente la leadership della classifica (circa 1,40 milioni), seguita da Napoli (circa 1,14 milioni) e Livorno (circa 694 mila). Nel 2015, infine, sono stati 3 i porti nazionali ad aver superato il milione di passeggeri (Civitavecchia, Venezia e Napoli), 15 quelli ad aver oltrepassato la soglia dei 100mila crocieristi.

 

Navi colossali e ipertecnologiche

Royal Caribbean porta in Italia le ammiraglie della sua flotta: Jewel of the Seas e Harmony of the Seas, la nave più grande e tecnologica al mondo con servizi digitalizzati (dalle prenotazioni dei ristoranti di bordo alla banda larga per assicurare connessioni costanti agli ospiti), che da luglio a settembre sarà posizionata a Civitavecchia, porto di partenza per itinerari sul Mediterraneo.
E mentre Costa insiste sul rapporto con il trade (fino al 30 aprile saranno più di 3mila gli adv europei, di cui 1.400 italiani, a vivere una nuova tipologia di educational a bordo dell’ammiraglia Costa Diadema), Msc punta su nuove destinazioni come Cuba, migliorando l’esperienza di bordo con una serie di partnerhisp di rilievo: ultima in ordine di tempo, la Wellness Experience siglata con Technogym, già prenotabile per le crociere  da aprile 2017 (non disponibile sulle navi in partenza da Sudafrica e Cina). Sarà poi completata a novembre 2017 Msc Seaside, la nave da crociera più grande mai realizzata in Italia.
Novità di prodotto anche per Star Clippers che mette in vetrina le promozioni per l’inverno 2016/2017 prenotabili fino a fine aprile: itinerari sul Canale di Panama scontati del 10% e riduzioni del 20% per crociere ai Caraibi e in Asia. Novità sui programmi di intrattenimento a bordo per Norwegian Cruise Line che sulle due navi più recenti, Escape e Getaway, mette in scena gli ultimi successi di Broadway e Hollywood.

Giorgio Maggi

Ultimi articoli in Speciale BMT


MSC Crociere

25 Marzo 2015