Giornale del 17 Marzo 2016 - Speciale BMT 2016 - sfoglia il giornale

De Negri (Bmt): «Non bisogna lasciare spazio ai competitor»

Speciale BMT

17-03-2016 NUMERO: 7

Invia
Vent’anni di Bmt e oltre quaranta di imprenditoria, turistica e non: la ricetta per “stare sul mercato” Angioletto De Negri, presidente di Progecta e ideatore-fondatore della Borsa Mediterranea del Turismo, la conosce bene. A Napoli sono un’istituzione, tanto lui, quanto la sua fiera che – negli anni – ha consolidato quel ruolo di piazza trade del centro-sud e apripista dell’estate. Qui alla Mostra d’Oltremare, anche quest’anno le aziende presentano i programmi della summer, per dirla in gergo. E lo fanno da soli, senza la sponda delle istituzioni.

«Non è prevista la visita di nessun ministro. D’altronde Franceschini non sembra essere vicino al mondo degli operatori turistici», afferma. «Dal governo – ricorda – è arrivata la legge sul tax credit per le strutture ricettive, ma prima di pensare agli alberghi, bisognerebbe sostenere le imprese che si occupano di riempirli». E quindi il tour operating, di cui De Negri fa parte con la sua azienda I Viaggi dell’Airone. Ma la stessa Astoi, come anticipato da L’Agenzia di Viaggi, ha deciso di non esserci con uno stand istituzionale, lasciando liberi i t.o. associati di decidere in autonomia.
Al di là delle reazioni a caldo, De Negri tiene a ricordare che «una parte degli operatori che aderiscono ad Astoi è presente alla Bmt. E gli si farebbe un torto se la discussione si sviluppasse solo intorno all’assenza di Astoi, che non rappresenta tutta la filiera del tour operating, ma solo una parte di imprese».


Astoi o non Astoi, la questione è il modello-fiera, che il patron di Bmt difende a spada tratta: «Non si prende uno stand per vendere prodotti, ma per promuoversi, per dimostrare di esserci. Tanto più in tempo di crisi, in cui – insiste – non bisogna lasciare spazio alla concorrenza». E per concorrenza si intende, non solo quella delle Olta, «ma anche quella delle tante agenzie qualificate che cercano di intraprendere l’attività di self tour operator senza costi aggiuntivi».

E sono proprio le agenzie di viaggi le vere protagoniste di Bmt. A Napoli Progecta ne ha portate quest’anno 600. Dove “portato” equivale a dire “ospitato”, con transfer e alloggio a carico della fiera. Un punto cruciale, per De Negri, è il training «che dovrebbe essere sempre abbinato alle fiere». Tant’è che a Napoli, «i corsi di formazione per le agenzie sono affollatissimi».

 

Per le adv anche 400 orologi firmati dal Maestro Santoriello su ceramica di Vietri e il party del sabato al Salone Margherita per i vent’anni di Bmt. «Piaccia o non piaccia c’è tanto da festeggiare». Parola di De Negri.

www.bmtnapoli.com

Roberta Rianna

Ultimi articoli in Speciale BMT


MSC Crociere

25 Marzo 2015