Giornale del 13 Febbraio 2015 - Speciale Bit 2015 - 2 - sfoglia il giornale

Malesia

Speciale BIT 2

13-02-2015 NUMERO: 4bis

Invia
Il 2015 sarà l’Anno dei Festival
«Partecipare alla Bit ci dà l’opportunità d’incrementare i rapporti non solo con l’industria turistica italiana, ma anche con i partner malesi», spiega Ahmad Kamarudin Yusoff, direttore Turismo Malesia Italia. Presenti come co-espositori presso lo stand ci sono Lotus Asia Tours, Insight Borneo Incentive & Tours, Whopping Gibbon Travel, Nella Terra di Sandokan by Salgari Oriental, Cathay Pacific Airways e Gahara Galore. Ai potenziali viaggiatori è invece dedicata la presentazione Malesia, Anno dei Festival 2015 (sabato 14 febbraio presso la Destination Room, dalle 15.30).


I dati più recenti (gennaio–ottobre 2014) hanno registrato 46.478 arrivi italiani, segnando un +24% rispetto allo stesso periodo del 2013, e il direttore è fiducioso sia di chiudere l’anno con il segno positivo che per il futuro: «Vogliamo promuovere una conoscenza autentica della Malesia. Per esempio, con l’Homestay Program, che consente di trascorrere una giornata in un villaggio per conoscere da vicino le nostre tradizioni; oppure si può partecipare a una lezione di batik, la tradizionale tecnica pittorica su tela, di cui abbiamo una dimostrazione presso il nostro stand». Focus del 2015, dichiarato “Anno dei Festival”, la celebrazione dei tanti eventi che rappresentano la ricchezza culturale di un Paese in cui è racchiusa tutta l’Asia, con malesi, cinesi, indiani e gruppi etnici del Borneo che vivono in piena armonia.


Presto saranno lanciate due app: una per incrementare la fan page Turismo Malesia (ora a 4.645 fan) e un’altra per il segmento golf, che in Malesia conta oltre 200 campi. Sul fronte trade, sono previste la partecipazione ai roadshow dei principali tour operator e l’edizione 2015 di The Best 15, il programma di incentivazione per adv, con Singapore Airlines come compagnia partner.


Quanto a Expo, il padiglione della Malesia, presente con il tema “Verso un ecosistema alimentare sostenibile”, avrà la forma di quattro semi della foresta pluviale e sarà realizzato con elementi sostenibili come il “Glulam” (legno lamellare), ricavato da materiale locale.

Pad. 14 - St. F02-G05


Ultimi articoli in Speciale BIT 2


L’Expo delle speranze

13 Febbraio 2015