Giornale del 20 Febbraio 2013 - sfoglia il giornale

Brand Italia: l’Enit lancia la gara, 140mila euro in palio

ATTUALITA'

20-02-2013 NUMERO: 5

Invia
Babbi-Celli 2012 - EnitC’è tempo fino al prossimo 28 febbraio per partecipare alla gara bandita dall’Enit per la creazione della nuova campagna di comunicazione in Europa (dettagli e info all’indirizzo www.enit.it/it/agenzia/bandi-gare-e-concorsi.html). È di 140mila euro, Iva inclusa, il budget messo a disposizione dall’Agenzia – attraverso una procedura negoziata – per l’affidamento del servizio di ideazione e creazione di messaggi pubblicitari, coordinamento e monitoraggio della campagna, e realizzazione di materiali promozionali.

 

L’Enit intende, così, riposizionare il brand Italia per incrementare gli arrivi turistici da “selezionati e consolidati” mercati europei. Il target di riferimento sono viaggiatori di ceto alto e medio-alto che conoscono già il Paese, ma sono disposti a scoprire nuovi itinerari. Tra i prodotti turistici che saranno promossi: Cultura e città d’arte, Mare e laghi, Vacanza attiva e benessere, Enogastronomia, Natura (montagna e parchi), ed Expo 2015, considerato un evento strategico. I mercati coinvolti saranno Germania, Austria, Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Scandinavia, Gran Bretagna e Francia.

 

L’agenzia vincitrice dovrà curare la pubblicità sulla stampa, le affissioni, la comunicazione online e l’adattamento degli spot “Italia Much More”. La documentazione dovrà essere inviata all’Enit – Agenzia Nazionale del Turismo, via Marghera 2, 00185 Roma, entro il 28 di febbraio 2013 alle ore 12. Eventuali chiarimenti potranno essere richiesti fino a quattro giorni prima della scadenza del termine per la presentazione delle offerte all’indirizzo di posta elettronica gare.promozione@enit.it, all’attenzione del dottor Massimo Montaruli e della dottoresssa Cristina Sanna.

 

«Serve un ministero forte»
Nel frattempo, il presidente dell’Enit, Pier Luigi Celli, ha risposto alle domande dei giornalisti durante il Forum Ansa, insieme con il dg dell’agenzia Andrea Babbi e il ministro del Turismo, Piero Gnudi. «Serve un ministero del turismo con portafoglio, che possa vendere l’Italia all’estero e che sappia muoversi con agilità», ha affermato. E subito ha puntualizzato: «Serve un ministero forte, anche perché il peso su Pil e occupazione può crescere molto: ora è dell’8,6% ma in Spagna è del 15%. Da noi il settore produce il 9,7% di occupati, la Spagna arriva quasi all’11%».

 

Sul fronte del prodotto, il presidente ha ricordato che «quello tradizionale non basta, ma c’è un marketing da inventare». Il 72% delle notti passate in Italia dai turisti stranieri è in solo cinque Regioni: Veneto, Trentino, Toscana, Lazio, Lombardia. «C’è una concentrazione altissima – afferma – e quindi c’è un’esigenza di capire quali prodotti innovativi si possano introdurre».

 

L’obiettivo è «rivitalizzare prodotti che colpiscano l’immaginario». Secondo il presidente dell’Enit, «i nuovi turisti sono poco informati, ma nei prossimi 10 anni aumenterà la quota di esperti con budget maggiori. È a loro che bisogna puntare».

 

Nel 2020 i viaggiatori saranno un miliardo e 350 milioni, di cui 700 milioni provenienti dai Paesi emergenti. Ci sono però pochi voli dalla Cina all’Italia e moltissimi che arrivano a Francoforte. «È difficile mettere a punto progetti turistici se non c’è un flusso adeguato», ha commentato Celli.

 

Sul fronte dei rapporti con le Regioni, il presidente ha ribadito che «la loro competenza esclusiva ha comportato una frammentazione dell’efficienza». Un capitolo a parte del forum è dedicato a Italia.it: «Il portale passerà all’Enit quando il decreto del ministro sarà registrato. Sarà nostro compito portarne avanti i contenuti. Abbiamo già iniziato a lavorarci e a vedere cosa bisogna cambiare, dando gli input giusti», ha fatto sapere Babbi. «Nel dialogo che stiamo riallacciando con le Regioni – ha aggiunto – deve diventare il portale dei portali. Per il 90% è visitato da stranieri: il nostro sforzo sarà renderlo sempre più appetibile e moderno».

 

www.enit.it

Roberta Rianna

Ultimi articoli in ATTUALITA'